fbpx

8 donne e 1 mistero

martedì 26 Marzo
21:00

Per informazioni:

Un cast di straordinarie attrici capitanate da Anna Galiena

Martedì 26 marzo alle ore 21 va in scena al Teatro Remondini 8 donne e 1 Mistero di Robert Thomas, dal film cult di François Ozon, con Anna Galiena, Debora Caprioglio, Caterina Murino e la partecipazione di Paola Gassman.
Lo spettacolo è in sostituzione del previsto Voci nel buio, con Laura Morante, annullato per sopraggiunti impegni cinematografici dell’attrice. La serata è inserita nel calendario della stagione Teatro e Cronaca, realizzata dalla Città di Bassano del Grappa, insieme al Teatro Stabile del Veneto e al Circuito Arteven.

Un irresistibile spettacolo corale tutto al femminile, un testo pieno di divertimento e colpi di scena, che vede in scena anche Antonella Piccolo, Claudia Campagnola, Giulia Fiume e Maria Chiara Dimitri. La traduzione dello spettacolo è di Anna Galiena, la regia di Guglielmo Ferro. Le musiche sono di Massimiliano Pace, le scene di Fabiana Di Marco, il disegno luci di Aliberto Sagretti e i costumi di Françoise Raybaud.

È Natale, fuori nevica, i regali sono sotto l’albero, le luci e le note festose hanno invaso le stanze e su tutto si è appeso violentemente un profumo da donna. Di quale donna, delle otto che sfarfalleggiano in casa? Forse quella che ha pugnalato Marcel, tagliato i fili del telefono, trasformando una bella dimora di campagna in una prigione di paura. E quando il fiato è sospeso, alla fine sotto quel profumo di donna si scopre un gran puzzo di morte. C’è un mistero e intorno a esso… otto donne.
La struttura drammaturgica della commedia thriller è un ingranaggio perfetto per sedurre lo spettatore ormai abituato alla nuova generazione di criminologia psicologica.
Thomas dosa con maestria la comicità noir d’oltralpe, fa emergere la lamina sarcastica e comica della vita contro la morte. E lo fa attraverso la figura madre: la donna. Ne sceglie otto: le più diverse, perché non sono personaggi ma personificazioni distinte della stessa identità-matrice. Come una Grande Madre che si fa Natura, Madonna, Dea, Terra e Morte.
Una compagnia di donne di talento con i loro segreti, le loro ambizioni verminose, le perverse visioni interpersonali, la loro arcaica animalità. Nessuna complicità, nessuna affinità non battezzata come ipocrisia e invidia tra le donne, come è e come sempre sarà. Per loro solo un fine: famelica sopravvivenza.

Dov'è?